Protocollo di collaborazione - MuVi Lascari

Vai ai contenuti

Protocollo di collaborazione

ORGANIZZAZIONE


COMUNE DI LASCARI
PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI LASCARI E
L'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE "IL GIRASOLE"
PER IL PROGETTO MUVI LASCARI – MUSEO VIRTUALE DELLA MEMORIA COLLETTIVA
WWW.MUVILASCARI.IT


L’anno 2017, il giorno dodici del mese di dicembre presso la sede del palazzo municipale
TRA
Il Comune di Lascari, di seguito semplicemente Comune, con sede a Lascari in Piazza Aldo Moro     n. 6, partita IVA/codice fiscale 00549740827, rappresentato dal Sindaco protempore Dott. Giuseppe Abbate, nato a Lascari il 03/12/1946 e residente a Cefalù in C/da Vallone di Falco snc
E
L’Associazione di Promozione Sociale “Il Girasole”, di seguito semplicemente associazione, con sede a Lascari in Via Leonardo Da Vinci n. 21/23, codice fiscale 91008340829, partita IVA 05691820822, rappresentata dal Presidente protempore Arch. Salvatore Moncada, nato a Palermo il 13/05/1973 e residente a Palermo in F. E. Scandurra n. 8

PREMESSO
- che con Legge n. 167 del 27.09.2007 è stata ratificata la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale sottoscritta dagli Stati aderenti all’UNESCO il 17 ottobre 2003 a Parigi che prevede tra i suoi scopi:
a) salvaguardare il patrimonio culturale immateriale;
b) assicurare il rispetto per il patrimonio culturale immateriale delle comunità, dei gruppi e degli individui interessati;
c) suscitare consapevolezza a livello locale, nazionale e internazionale dell’importanza del patrimonio culturale immateriale e assicurare che sia reciprocamente apprezzato;
d) promuovere la cooperazione internazionale e il sostegno;
- che per “patrimonio culturale immateriale” s’intendono le prassi, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, il know-how – come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati agli stessi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale;
- che questo patrimonio culturale immateriale, trasmesso da generazione in generazione, è costantemente ricreato dalle comunità e dai gruppi in risposta al loro ambiente, alla loro interazione con la natura e alla loro storia e dà loro un senso di identità e di continuità, promuovendo in tale modo il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana;
- che tra le misure previste per salvaguardare il patrimonio culturale immateriale ogni Nazione, e quindi ogni sua articolazione, compirà ogni sforzo per garantire il rispetto e la valorizzazione di tale patrimonio;
- che ogni Stato farà ogni sforzo per garantire la più ampia partecipazione di comunità, gruppi che creano, mantengono e trasmettono tale patrimonio culturale;
- che la legge 7/12/2000 n. 383 recante “la disciplina delle associazioni di promozione sociale” riconosce il valore sociale e la funzione dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo, promuovendo lo sviluppo del territorio, nella salvaguardia della sua autonomia e favorendo l’apporto originale per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile e culturale;
- che con atto pubblico del 24/01/2003 e registrato a Termini Imerese in data 03/02/2003 al n. 111, si è costituita l’Associazione di Promozione Sociale “Il Girasole” di Lascari e che la stessa dal 2010 è un’articolazione territoriale affiliata all’ARCI, Associazione di Promozione Sociale a carattere nazionale, iscritta al n. 30 del Registro Nazionale delle A. P. S. presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi della L. 383/2000;
- che l’associazione il 18/05/2007 ha ottenuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Dipartimento dello Spettacolo, il Nulla Osta di agibilità a tempo indeterminato per l’esercizio di attività teatrale e/o musicale;
- che la promozione sociale e culturale, la valorizzazione dei Beni comuni, la tutela dell’ambiente e del paesaggio, la salvaguardia dei beni culturali e immateriali e di interesse storico e artistico rientrano tra gli scopi istituzionali dell’associazione e rappresentano le principali attività svolte nel territorio;
- che dal 24/01/2012 l’associazione è regolarmente iscritta all’Albo e al Forum delle associazioni del Comune di Lascari;
- che il 21/04/2013 l’associazione ha presentato il progetto denominato MuVi Lascari – Museo Virtuale della Memoria Collettiva con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio culturale e immateriale, di tutelare i beni archivistici e di valorizzare l’identità storica di Lascari;
- che per lo sviluppo delle suddette attività, il Comune in data 28/03/2013 ha sottoscritto con l’associazione un protocollo d’intesa;
- che con nota Prot. N. 3267 del 19/11/2013 indirizzata al Comune di Lascari, la Soprintendenza Archivistica per la Sicilia – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – ha comunicato di collaborare alle attività di valorizzazione del patrimonio archivistico promosse dal MuVi Lascari;
- che con nota Prot. N. 11 del 04/02/2014 indirizzata al Comune di Lascari, il Centro Internazionale di Etnostoria "Fondazione Prof. Aurelio Rigoli" ha offerto collaborazione e patrocinio alle iniziative del MuVi Lascari;
- che in data 29/07/2014 l’associazione ha sottoscritto un protocollo d’intesa con l’Associazione “I WORLD” Associazione Mondiale per la Salvaguardia e la Valorizzazione delle Identità dell’Umanità al fine di collaborare per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale immateriale, compreso l’artigianato tradizionale di eccellenza locale;
- che grazie alle attività svolte dal MuVi, Lascari è parte del sistema museale della Città a rete Cefalù – Termini Imerese e Madonie;
- che ad oggi il MuVi Lascari ha svolto le seguenti attività descritte in modo sintetico e non esaustivo:
a) ha coinvolto nelle attività del progetto oltre 220 persone e circa 85 famiglie tra cui alcuni emigrati;
b) ha pubblicato l’audiovisivo dal titolo “Lascari Immagini e Memoria”;
c) ha realizzato in collaborazione con la Soprintendenza Archivistica per la Sicilia, le Mostre di documenti d'archivio denominate “Lascari, percorsi storici e documentali”;
d) ha fattivamente collaborato per l’inserimento delle feste del SS. Crocifisso e di San Giuseppe nel Registro delle Eredità Immateriali Locali (R.E.I.L.), in ottemperanza alla Convenzione UNESCO del 17 ottobre 2003;
e) partecipa a Musea, un progetto che mette in rete ventuno musei delle Madonie e dell’Himera con un “punto informativo” presente presso l’ufficio e lo Spazio Polifunzionale del MuVi, costituito da un computer all in one multi touch a servizio di cittadini, studenti e visitatori;
f) organizza mostre tematiche, conferenze e incontri con alunni delle scuole e associazioni per promuovere la conoscenza della storia e del patrimonio culturale e immateriale del territorio;
- che l’Amministrazione Comunale riconosce nelle attività poste in essere dall’associazione e dal MuVi Lascari – Museo Virtuale della Memoria Collettiva – www.muvilascari.it, valore aggiunto ai fini della promozione sociale e culturale del territorio;

TUTTO CIÒ PREMESSO TRA LE PARTI, CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA, DA VALERE AD OGNI EFFETTO DI LEGGE, SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

FINALITA’
Art. 1
Il Comune e l’Associazione intendono collaborare reciprocamente all’attuazione del progetto denominato MuVi Lascari – Museo Virtuale della Memoria Collettiva - www.muvilascari.it, al fine di tutelare e valorizzare il patrimonio culturale, immateriale ed archivistico del Comune di Lascari.
Il suddetto progetto, così come le premesse di cui sopra, fanno parte integrante e sostanziale del presente Protocollo di Collaborazione.

Art. 2
Il Comune e l’associazione intendono pervenire ad un rapporto stabile di collaborazione, impegnandosi a programmare, definire e realizzare di comune intesa e con risorse condivise altri progetti ed attività volte al perseguimento degli scopi di cui all'art. 1.
Il Comune e l’associazione per il raggiungimento delle finalità del presente atto, si impegnano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, a promuovere e svolgere le seguenti attività:
a) la valorizzazione del patrimonio culturale e immateriale, la tutela dell’archivio storico comunale e dei beni di interesse storico ed artistico di Lascari;
b) il recupero, la conservazione, la fotoriproduzione e la digitalizzazione dei documenti di maggiore interesse provenienti dall’archivio storico del Comune;
c) la valorizzazione dell'archivio storico quale fondamentale patrimonio culturale di identità e memoria, dal momento che esso conserva le fonti essenziali per la ricerca storica non solamente di Lascari e del comprensorio, ma della realtà siciliana e nazionale dell'epoca;
d) la fruizione dei documenti archivistici digitalizzati a tutti i cittadini, ricercatori, studiosi e studenti mediante la pubblicazione degli stessi nel sito del MuVi Lascari - www.muvilascari.it;
e) il porre in essere proficui rapporti di collaborazione scientifica e culturale anche con altri Enti ed Istituzioni volti alla realizzazione di attività di ricerca, di studio e di promozione dell’identità storica di Lascari;
f) l’organizzazione di incontri, dibattiti e convegni per le finalità di cui ai precedenti punti.

COMPITI, SEDE E VOLONTARI
Art. 3 - Compiti dell’Associazione
L’associazione si impegna affinché le attività del progetto siano regolarmente svolte e rese nel rispetto di quanto previsto dal presente Protocollo di Collaborazione.
Per l’espletamento delle attività, l’associazione utilizzerà prevalentemente i propri soci volontari diplomati e laureati, assicurando che gli stessi, siano in possesso di capacità intellettuali, tecniche e pratiche necessarie per lo svolgimento del progetto.
L’associazione si impegna a comunicare al Comune le possibili interruzioni che dovessero intervenire nello svolgimento delle attività concordate, nonché a comunicare i nominativi dei volontari utilizzati e le loro eventuali sostituzioni.
L’associazione si impegna inoltre, affinché i propri volontari abbiano un adeguato comportamento durante lo svolgimento delle attività all’interno dei locali comunali e nella sede dell’archivio, nonché a vigilare sull’utilizzo da parte degli stessi volontari dei cartellini di riconoscimento.

Art. 4 - Compiti del Comune
Il Comune si impegna ad assicurare ai volontari dell’associazione l’accesso nei locali comunali e in quelli dell’archivio, nonché la consultazione dei documenti custoditi in archivio per le relative attività di riordino, consultazione, fotoriproduzione, digitalizzazione, ricerca e studio.
Il Comune si impegna inoltre a mettere a disposizione dei volontari il materiale e gli strumenti necessari allo svolgimento delle attività di cui al precedente comma (telefono, fax, scanner, fotocopiatore, computer, Internet, etc.).
Il Comune si impegna altresì a comunicare tempestivamente all’associazione ogni evento che possa incidere sull’attuazione del progetto o che possa condizionare la validità del presente Protocollo.
Il Comune è estraneo al rapporto intercorrente tra il singolo volontario e l’Associazione stessa.

Art. 5
Per la realizzazione del progetto, escluse alcune attività strettamente connesse all’archivio storico comunale e che dovranno necessariamente svolgersi nel palazzo municipale, l’associazione istituisce l’ufficio del MuVi Lascari presso i locali della propria sede siti a Lascari in Via Leonardo Da Vinci n. 23.
L’ufficio resterà aperto al pubblico normalmente un giorno alla settimana per circa 3 ore, escluse 5 settimane all’anno tra il periodo estivo e natalizio.
Tutte le attività svolte nell’ambito dell’ufficio MuVi Lascari saranno svolte prevalentemente dai volontari dell’associazione.
SPESE DI GESTIONE
Art. 6
Per il conseguimento degli obiettivi progettuali e per la realizzazione delle attività previste dal presente accordo, l’associazione si avvale prevalentemente della libera e gratuita opera prestata dai propri soci ad esclusivo titolo di volontariato, senza corrispettivi da parte del Comune e della stessa associazione.
Il Comune si impegna a farsi carico delle spese generali del progetto MuVi Lascari e di quelle relative al funzionamento dell’ufficio MuVi, determinando un contributo forfettario annuale di €. 1.000,00 (Euro mille/00).
Ai soli fini esemplificativi e non esaustivi, le spese di cui sopra si riferiscono alle seguenti voci:
- dominio Internet, software e gestione del sito Web www.muvilascari.it;
- 80% del costo totale dell’utenza telefonica e connessione Internet;
- 50% dell’importo totale dell’utenza elettrica ed idrica;
- 50% del costo totale delle spese di locazione;
- beni di consumo (cancelleria, toner, materiale per pulizia e decoro dei locali, etc.);
- acquisto attrezzature;
- attività di promozione del MuVi, organizzazione d’incontri, mostre, conferenze, materiale promo-pubblicitario, etc..

Art. 7
Il Comune si impegna ad erogare il contributo stabilito in €. 1.000,00, previa presentazione delle spese rendicontate da parte dell’associazione, nel seguente modo:
1° semestre: acconto pari al 60% dell’intero importo entro il 30 giugno;
2° semestre: saldo pari al 40% dell’intero importo entro il 30 dicembre.
Qualora nel 1° semestre le spese rendicontate non raggiugessero l’importo pari al 60 per cento, le stesse potranno essere rendicontate nel 2° semestre.
L’associazione si impegna a presentare al Comune, prima dello scadere dei relativi semestri, il rendiconto analitico a dimostrazione delle spese sostenute. In particolare per il 2° semestre l’associazione dovrà presentare una sintetica relazione sull’attività principale svolta durante l’anno.
È data facoltà al Comune di richiedere eventuali documentazioni atte a comprovare le spese rendicontate.
Detto rendiconto, reso sotto forma di autocertificazione, è sottoscritto dal rappresentante legale dell’associazione che si assume la responsabilità del relativo contenuto e delle risultanze finali.
Qualora, in sede di rendicontazione, le spese effettuate risultassero inferiori a quelle preventivate, il beneficio autorizzato verrà rideterminato.

DURATA
Art. 8
La durata del presente Protocollo viene stabilita in anni 3 (tre) a decorrere dal 1 gennaio 2018 e lo stesso si rinnoverà tacitamente alle stesse condizioni di anno in anno.
Si può prevedere una risoluzione anticipata nel caso in cui vengano meno gli scopi per i quali il Protocollo è stato stipulato o per l’impossibilità da parte dell’Associazione di farvi fronte.

CONTROVERSIE
ART. 9
Ogni controversia derivante dall’esecuzione del presente Protocollo di Collaborazione che non venga definita bonariamente sarà devoluta all’organo competente previsto dalla vigente normativa.

Lascari, 12 dicembre 2017

          Per l'A. P. S. "Il Girasole”                                                               Per il Comune di Lascari
                IL PRESIDENTE                                                                                IL SINDACO
   F.to Arch. Salvatore MONCADA                                                           F.to Dott. Giuseppe ABBATE



TUTTI I DIRITTI RISERVATI
E' vietata ogni forma di riproduzione, digitale, a mezzo web e cartaceo
delle fotografie e dei testi sia parziale che totale senza il consenso degli autori.
© Copyright  2013 - 2018

+39 329 29 19 878 (Mob)
+39 0921 60 15 49 (Uff)
muvilascari@gmail.com
Torna ai contenuti